wikidizionario

Abrasione - Con questo termine si intende la lesione degli strati più superficiali della cute che, nella zona interessata, si presenta arrossata e ricoperta da piccole squame di epidermide. È generata da traumi non gravi dovuto al contatto brusco, con striscio, di un corpo contundente o una superficie resistente con la superficie corporea.



Aminoacidi - Sono delle molecole contenenti al loro interno un gruppo acido e un gruppo aminico; essi rappresentano i costituenti fondamentali delle proteine, molecole più grandi che rappresentano i costituenti essenziali della materia vivente e che catalizzano le reazioni biologiche fondamentali del nostro corpo.



Antibiotico - Farmaco in grado di eliminare i batteri in modo selettivo e che viene utilizzato nel trattamento delle infezioni da essi provocati. I farmaci antibiotici sono di diverso tipo, ognuno ha un preciso meccanismo d’azione; questo perché i batteri non sono tutti uguali e spesso tendono a sviluppare resistenza nei confronti delle terapie, diventando insensibili.



Batteri - Sono microrganismi unicellulari di dimensioni microscopiche presenti praticamente ovunque: sul suolo, nell’acqua, nell’aria, sul corpo umano e su quello degli animali, sulle piante. Tendono a essere più numerosi dove vi siano sostanze organiche che possono utilizzare come nutrimento; sono infatti responsabili dei processi di fermentazione e putrefazione. Una parte dei batteri è patogena, è cioè in grado di provocare infezioni nell’uomo.



Cicatrizzazione - Processo con cui l’organismo ripara le ferite. Può avvenire in due modi per “prima intenzione” quando la ferita non è infetta e i suoi lembi combaciano e per “seconda intenzione” quando vi sia una perdita di sostanza o i bordi della ferita non siano stati accostati. La cicatrizzazione avviene in tre fasi: nella prima si hanno fenomeni di detersione con eliminazione di germi e materiale estraneo, nella seconda si ha la formazione di un tessuto di granulazione ricco di vasi di globuli bianchi e di cellule connettivali che cresce riempiendo la ferita e che, nel caso delle lesioni cutanee, viene ricoperto dalla cute; nella terza, detta maturativa, si ha la formazione della cicatrice definitiva.

Cute - Costituisce un insieme dinamico di tessuti che ricopre completamente il corpo, lo protegge, lo separa dall'ambiente esterno e lo collega a quello interno. La cute rappresenta l'organo più grande del corpo umano.

Derma - È lo strato intermedio della cute, compreso tra l'ipoderma e l'epidermide. A differenza di quest'ultima, da cui è separato dalla membrana basale, il derma è riccamente vascolarizzato e innervato.


Follicolite - È un’infiammazione della parte superiore del follicolo pilifero, caratterizzata dalla presenza di una papula, una pustola, un'erosione o una crosta a livello dell'infundibolo pilifero; il coinvolgimento può estendersi più in profondità a tutta la lunghezza del follicolo. Ci possono essere diverse forme di follicolite, da Staphylococcus aureus, eosinofinola, decalvante, da Pitirosporum.

Infezione - È una reazione patologica dell'organismo alla penetrazione e alla moltiplicazione di microrganismi (virus, batteri, miceti, protozoi, metazoi).